Articoli con tag “curiosità

Arabesco

Egitto 2008

Avrei voluto bruciare
come macchia nel deserto
e sentire il sole
riscaldare la mia pelle.
Ascoltare il richiamo del muezzin
dall’alto dei minareti
e confondermi tra i visi ruvidi
della gente.
Pronunciare il mio nome
negli occhi profondi di bambini
rivestiti di polvere e sogni
tra la mia fame e la loro sete
di curiosità viva.
Avrei voluto costruire
una fortezza penetrabile
ricca di labirinti ove
perdermi coscientemente.
Lasciarmi andare alla semplicità
lasciarmi avvolgere dai colori
dalla luce abbagliante.
E riscrivere un amore
in gradevoli arabeschi sensuali
lungo i miei fianchi bianchi.
E il mio ventre
sarebbe stato la sua casa.

23 febbraio 2013

Arabesco © Paula Becattini

Egitto 2008

Egitto 2008

Egitto 2008

Egitto 2008

Annunci

Tennis tavolo: breve storia della racchetta

Racchetta da tennis tavolo del 1925

All’inizio erano a manico lungo, di forma ovale ma più piccola di quella da tennis. Alcune avevano le corde, altre carta pecora simile a quella del tamburello.
Poi nel 1890 si diffondono quelle in legno e di compensato.
In foto un esemplare del 1925: nuda, con il manico in sughero, verniciata con la coppale per non farla deformare… La pallina vi scivola sopra che è una bellezza!
E così, nel giro di pochi mesi, incominciano “sperimentazioni varie”. Per la ricopertura vengono usati il sughero, le tele, le gomme, insomma di tutto e di più.
Si racconta che un certo Cood, inglese, utilizzò una stuoia di gomma a rete (materiale usato nei negozi per non far rotolare le monete durante i pagamenti), vincendo così la finale di un torneo per 50 a 3.
Nel 1892 nasce la gomma con i puntini, usata fin nel 1960.
Nel 1930 si inizia a utilizzare in gara tre o quattro racchette diverse, a seconda del gioco s’intende fare: una di legno, una ricoperta di sughero, un’altra con gomma puntinata, ecc.
Ma la vera svolta della racchetta da tennis tavolo avviene nel 1952, quando ai campionati di Bombay Satoh, giapponese, utilizza una ricopertura di gommapiuma e diventa campione del mondo.
Per riequilibrare i livelli di gioco, nel 1959 si arriva a un compromesso tra asiatici ed europei, che consentirà comunque di mantenere vertici spettacolari al gioco: la gomma piuma può essere usata, però deve essere ricoperta da gomma con puntini, il tutto senza superare i 4 millimetri di spessore per faccia. Nasce la famosa copertura sandwich, gommapiuma più caucciù.
Nel 1960 nasce il top spin moderno ed è la rivoluzione del gioco. Chi non lo usa è tagliato fuori. Così, dopo qualche anno, il belga Toni Hold inventa la gomma antitop, una gomma dura e scivolosa, usata solo su una faccia: gli effetti non si sentono. I giocatori di sandwich vanno in crisi.
Finalmente nell’ottobre del 1977 il tennistavolo viene riconosciuto come sport olimpico e dalla Cina arriva la gomma con puntini lunghi, chiamata anche gomma erba.
Nel 1983 la federazione mondiale decide che la racchetta deve avere due colori, una a faccia rossa e l’altra nera. Con questa decisione scompaiono quasi del tutto le gomme antitop e a puntini lunghi.

Madonna del Ping Pong

Dopo questa breve storia della racchetta, non ci resta che allenarsi duramente!
E ogni tanto rivolgere una preghierina alla Madonna del ping pong.
Perché giocare è divertimento, ma vincere tira sù il morale!

4 aprile 2012

Tennis tavolo: breve storia della racchetta © Paula Becattini