Onda

Onda

Onda che va e viene,
che ricerca quel “Ti amo”
scritto sulla sabbia rovente
da strappare e disciogliere
nel sale della sua essenza
come fosse pane
– sopravvivenza per il naufrago
in balia di se stesso -.
Onda che va e viene,
che ricerca quel “Ti amo”
scavato su uno scoglio
scomparso poi all’orizzonte
quando di spumose mani
ha assaporato il cruore caldo
e la passione.
Non vi è cielo
a specchiar delle acque
la bassa marea
e niente mitiga all’onda
la pena incessante
del suo andare e venire.
Vorrebbe ritrovarsi
e morire
tra le tue braccia,
Poseidon.

8 marzo 2013

Onda © Paula Becattini

Annunci

6 Risposte

  1. bellisisma onda 🙂

    9 marzo 2013 alle 1:57 pm

    • Un’onda forse “anomala”… 🙂

      9 marzo 2013 alle 2:12 pm

      • ah, ogni onda che si rispetti, che si distingua dalle altre dev’essere così, anomala, unica nel suo incedere…
        perchè il mare, l’onda è essa stessa danza e danzatrice…

        9 marzo 2013 alle 2:17 pm

  2. Ah….. meravilgia Paula, come sempre! Bacioni…

    11 marzo 2013 alle 6:16 pm

  3. 🙂

    12 marzo 2013 alle 6:24 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...