Lui non paga te, tu non paghi me… io non vado in vacanza

Banconote da 50 euro

Eppure è così… mia figlia ed io dobbiamo rinunciare all’unica vacanza di una settimana, da tempo agognata e programmata, che avrebbe unito due piccole passioni (oltre che due piccole donne): il mare e il tennistavolo.
Ma sono stata colpita dal cancro degli italiani per l’ennesima volta.
La cosa più straziante – per me, madre – è quella di doverlo dire, a dieci giorni di partenza, alla propria amorevole ragazzina dagli occhi verdi a cerbiatta.
Oltre alla vacanza se ne vanno anche la tranquillità e la possibilità di pagare piccoli debiti accumulati, la bolletta del telefono, la tassa sulla nettezza: tutto ciò per poter mangiare.
Sta subentrando la paura, il terrore di non potercela fare ad andare avanti.
Tutto è così incerto, così difficile e sono veramente stanca.
Stanca di lavorare 12/14 ore al giorno senza intravedere miglioramenti e la possibilità di un sostentamento decente.
Stanca di studiare, di darmi da fare per migliorare, per trovare nuove vie d’uscita, nuove soluzioni.
Il cancro degli italiani si sta diffondendo a macchia d’olio.
Ed io sto morendo lentamente…
Buone vacanze.

31 luglio 2013

Lui non paga te, tu non paghi me… io non vado in vacanza © Paula Becattini

Annunci

8 Risposte

  1. Che schifo Paula. fatti sentire se ti serve qualcosa, anche solamente una spalla su cui piangere o una faccia da prendere a schiaffi.

    31 luglio 2013 alle 10:32 pm

  2. MI dispiace.Davvero.

    1 agosto 2013 alle 12:12 am

  3. Aida Bryga

    Fanno bene molti che non pagano più nulla pur di sopravvivere. Hanno detto che si evade per sopravvive re, e l’hanno messo a tacere

    1 agosto 2013 alle 12:42 am

  4. dasgiancarlorizzo

    sai una cosa? faccio mie le tue parole……….mi ci riconosco in pieno!

    2 agosto 2013 alle 1:38 pm

  5. Mi dispiace molto per te e per la tua bimba.

    7 agosto 2013 alle 7:12 am

  6. 😦

    13 agosto 2013 alle 12:51 pm

  7. Pablo

    Sono un tuo collega. Capisco perfettamente. Non ci sono parole.
    Pablo

    25 agosto 2013 alle 7:16 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...