Ravish

Non fu esplosione di emozioni
ma di colori, negli occhi di un cieco
che riconquistarono il mondo
sfregiandolo nella luce
con nuove dita duttili e indifese.

Uno schiaffio in piena guancia
un rumore tagliente nell’anima
e i capelli sollevati al rallentatore
mentre la mente cadeva giù
nella violenza di un amore.

Tu non puoi immaginare
– ignaro – cosa significhi subire
mentre io apro sempre più gli occhi
pur di evadere da tutte le pene
e riprendere un minimo di me stessa:

che lui mi ha stuprato la vita
per il solo suo piacere.

27 aprile 2014

Ravish © Paula Becattini

Annunci

5 Risposte

  1. Molto bello questo pezzo che non conoscevo, dei versi non voglio dire nulla.

    28 aprile 2014 alle 11:41 am

    • Questo pezzo di Paolo Nutini non lo conoscevo nemmeno io fino a qualche giorno fa… 🙂
      Sono così brutti i miei versi?

      28 aprile 2014 alle 1:42 pm

      • No, non sono affatto brutti i versi, trovo sempre difficoltà a commentare la poesia. Sempre bello leggerti 🙂

        28 aprile 2014 alle 1:50 pm

      • Forse è il tema che è difficile da affrontare.
        Qualsiasi sia il tipo di violenza trattato non è un bel argomento…

        28 aprile 2014 alle 2:15 pm

      • Infatti, qualsiasi parola di commento risulta stonata, si può solo stare in silenzio.

        28 aprile 2014 alle 2:17 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...