Articoli con tag “calice

Tralcio d’amore

Vite

Alba che si elèva
sulle dolci colline aretine,
una lieve brezza s’insinua
tra i filari e le brine.
Nessuno sguardo
coglie le prime gemme
mentre un caldo sospiro
si risveglia flemme.
In bocca ancora ha
il sentore di sottobosco
e la freschezza di un bacio lontano
rubato al chiosco.

Ricordo…

Il rosso rubino del vino
si confondeva con di lei la chioma
ogni volta che alzavo il calice
per rubarle un sorriso e l’aroma.
Tra le sue morbide labbra
arroganti raggi di luce:
parea già piena estate ove
anche uno sguardo seduce.
Ora ne percepisco il velluto
e la linea del fianco morbido
sotto le lenzuola da non osar
sfiorarla col palmo ruvido.

Tu sei il mio tralcio…

Al tramonto che si adagia
sulle dolci colline aretine
una lieve brezza s’insinua
tra i filari e le mie spine;
il ricordo della tua eleganza
e della fu bellezza etrusca
i doni di questa terra
per un momento offusca.
Ma senza te e lei sarei nessuno
che ancor oggi mi sorridi
quando ti offro un bicchiere
del nostro nettar divino.

2 maggio 2014

Tralcio d’amore © Paula Becattini

Annunci

Il litigio

*

Del gesto teatrale rimase la macchia
su delicato broccato imbandito a festa
e l’aroma secco di spezie e tabacco
mischiato al pepato di cucina toscana.

Il silenzio conquistò finalmente spazio
gelando l’attimo e la coscienza
dell’abbrutimento di un evento
che avrebbe dovuto esser bello.

La goccia dolceamara brillò sul calice.
Si fermarono i respiri.
E la furia incontrollata
di una momentanea follia familiare.

12 novembre 2008

*

Il litigio © Paula Becattini

*

(altro…)